Vibrator Nation - Collettivo di giocattoli sessuali

Vibrator Nation racconta la storia di come le donne hanno cambiato l'industria dei giocattoli sessuali, introducendo nuovi standard di qualità, istruzione e comfort in un settore precedentemente squallido.

L'autrice, Lynn Comella, è una professoressa associata di studi di genere e sessualità, il che, a mio avviso, conferisce al libro un aspetto un po' accademico. I capitoli sono piuttosto lunghi ed è un libro basato su molti dati, interviste e "lavoro sul campo etnografico" (come lavorare a Babeland).

Solo perché è educativo non significa che sia una lettura noiosa. I capitoli sono pieni di storie di sexy shop, un settore tutt'altro che noioso. Ti raccontano come la fondatrice di Vixen Creations ha iniziato a realizzare vibratori nella sua cucina. Come Dell Williams è stato ispirato ad aprire un sexy shop dopo aver frequentato i "Bodysex Workshops" nei primi anni '70, dove ai partecipanti veniva insegnato a usare un vibratore con una bacchetta magica per raggiungere l'orgasmo. Come i dipendenti di Babeland trattano i burloni che recitano scene BDSM nel negozio.

È una lettura obbligata se ti piace il sexy shop locale, se sei interessato a lavorare in un'industria legata al sesso, se ti piacciono le attività progressiste che non operano per soldi o se ti piace la storia.

La copia che ho comprato da Smitten Kitten era firmata da Lynn Comella

nazione del vibratore ritagliata

nazione del vibratore

Anno: 2017

Pagine: 279 (8 capitoli)

Autore: Lynn Comella

Prezzo: $15 – $25

La nazione dei vibratori dai numeri

Good Vibrations e Babeland recitano ruoli da protagonista in Vibrator Nation (appaiono in ogni episodio). Ho sempre saputo che erano importanti, ma come chiarisce il libro, furono pionieri che diedero inizio a un nuovo movimento di positività sessuale.

Molti altri negozi e creatori di proprietà di donne hanno le proprie sezioni nel libro. Alcune delle mie parti preferite sono state la visita allo studio di Vixen Creations o la sezione su Smitten Kitten che restituisce tutti i giocattoli di gelatina dopo che hanno iniziato a sciogliersi nella calura estiva di Minneapolis.

Ho messo insieme una tabella che mostra quante volte ciascun negozio è stato menzionato su Vibrator Nation. Good Vibrations è menzionato 459 volte!

Molte altre aziende e negozi hanno fatto brevi apparizioni una tantum, come Earth Erotics, ToyBoxxx, She Bop, LoveHoney, Doc Johnson, Cal Exotics.

I negozi che hanno cambiato il settore

I primi capitoli si concentrano sulle persone e sugli eventi che hanno portato all'avvio di queste attività, vale a dire Eve's Garden, Good Vibrations e Babeland (in quest'ordine).

Eve's Garden - Fondata nel 1974

Il primo sexy shop per donne è stato fondato a New York da Dell Williams. Ci viene raccontata la storia di Williams che frequenta corsi di vibratore progressivo e sessualità organizzati da Betty Dodson. Le lezioni erano incredibilmente progressiste e prevedevano l'essere completamente nudi, la meditazione, lo spettacolo dei genitali e l'insegnamento alle donne come usare il vibratore della bacchetta magica.

Queste lezioni hanno ispirato Dodson ad andare da Macy's e comprare la sua bacchetta magica. Mentre era lì, ha avuto un'esperienza imbarazzante con un venditore, che con sospetto le ha chiesto: "Per cosa ti serve il massaggiatore?" Al ritorno a casa, decise che solo le donne avrebbero dovuto vendere vibratori alle donne e fondò Eve's Garden, il primo sexy shop di proprietà femminile.

Ha avviato un'attività di vendita per corrispondenza dal suo appartamento e ha aperto al pubblico il venerdì. Dopo un anno lasciò il lavoro e si trasferì in uno spazio tutto suo. Lì iniziò a vendere più vibratori, oli da massaggio e libri sulla liberazione sessuale e sulla salute delle donne.

Buone vibrazioni – Fondata nel 1977

Good Vibrations e la sua fondatrice, Joani Blank, sono una parte molto importante di questo libro. Insieme occupano quasi un'intera pagina dell'indice. In parte ciò è dovuto al fatto che molti altri negozi si sono ispirati a Good Vibrations. Creatori di altre grandi aziende come Sugar e Vixen Creations furono inizialmente impiegati presso Good Vibrations. E i fondatori di Babeland e Grand Opening hanno partecipato al programma di stage Good Vibrations nel 1992, prima di partire per altre città per aprire negozi.

Prima di fondare Good Vibrations, Joani Blank era una terapista sessuale e professionista a San Francisco. Sentivo che i negozi per adulti si rivolgevano solo agli uomini e che c'era un grande bisogno di un negozio per donne.

Attraverso citazioni e racconti puoi avere un'idea dell'incredibile passione e dedizione che Joani Blank aveva per aiutare altre donne. Teneva profondamente ad aiutare le donne e non era interessato a fare soldi per arricchirsi. Una buona citazione che mostra il suo approccio viene da un colloquio di lavoro con la dipendente Susie Bright:

«Non mi interessa se non vendi nulla tutto il giorno. "Si tratta di educazione e di fornire alle donne un luogo alternativo in cui esplorare i propri interessi sessuali." –Joani Blank, pag. 51

e un altro commento fatto a Joani da un dipendente:

«Joani, tu gestisci la tua azienda come un servizio sociale» «Esattamente. Questo è esattamente. Grazie. “È un complimento” – Joani Blank, pag 195

I vibratori erano esposti e potevi toccarli e sentire come funzionavano. C'era anche un piccolo camerino con una tenda dove le persone potevano testare le vibrazioni all'esterno dei loro jeans. Il personale cordiale era più un educatore sessuale che un venditore e poteva rispondere a qualsiasi domanda tu avessi su come utilizzare e prendersi cura di un vibratore. Negli anni '90, Good Vibes avrebbe aggiunto una libreria di libri femministi e pornografia e avrebbe avviato il proprio studio di pornografia femminista.

Joani seguiva la filosofia del rovo negli affari, il che significava che le interessava più il cambiamento sociale che il guadagno. Non ha avuto problemi a lasciare che i clienti uscissero dalla porta senza acquistare nulla. C'era una storia divertente in cui lei rifiutò un appuntamento al liceo quando scoprì che voleva fare un MBA.

Nel 1992 Joani trasformò l'azienda in cooperativa e all'inizio degli anni 2000 si fece completamente da parte. Good Vibrations ha avuto difficoltà a metà degli anni 2000 a causa della crescente presenza di vendite online e della concorrenza di siti come Amazon. Alla fine, nel 2007, furono acquistati da una società all'ingrosso per adulti chiamata "General Video of American and Trans-World News". L'acquisto è stato devastante per alcuni dipendenti perché queste grandi aziende sono l'opposto della loro missione. Finora, tuttavia, l'acquirente, Joel Kaminsky, ha mantenuto a galla l'azienda e la sua immagine sostanzialmente intatta.

Ho trovato questa parte una delusione, soprattutto perché GVA ha recentemente acquistato anche Babeland. Chissà quanta merce non sicura potrebbero provare a intrufolarsi negli scaffali prima o poi. Invece, Smitten Kitten è ancora di proprietà del fondatore originale, quindi sai che avranno una buona istruzione e prodotti sicuri.

Babeland – 1993

Nell'ambito della missione di Joani Blank volta a diffondere l'educazione sessuale e la consapevolezza dei vibratori, ha ospitato un programma di tirocinio nel suo negozio per imprenditrici. Le prime due a completare con successo il corso furono Rachel Venning e Claire Cavanah, che avrebbero poi creato Babeland nel 1993.

L'autrice ha trascorso 6 mesi nel 2001 svolgendo la sua tesi presso il negozio Babeland a New York. L'inizio del capitolo 3 descrive in dettaglio il suo lavoro lì. Ha aperto il negozio da sola la mattina, ha gestito i soldi, ha sistemato i falli e, cosa più importante, ha aiutato i clienti con qualsiasi domanda avessero sui prodotti. A Babeland la chiamavano "educatrice sessuale".

Ecco uno snippet che aiuta a spiegare quanto fosse importante il suo lavoro.

Mi sono voltato e ho visto una giovane donna che portava in una mano un piccolo vibratore rosa Hello Kitty e nell'altra il Rabbit, il vibratore che era diventato famoso grazie alla serie HBO Sex and the City. "Voglio comprare un vibratore," disse, "ma non ho idea di cosa sto cercando."

Poiché ci sono così tanti giocattoli sessuali tra cui scegliere, questo ruolo di educatore sessuale, qualcuno che aiutava le persone a comprendere le loro diverse opzioni, era una caratteristica distintiva dei negozi di giocattoli sessuali gestiti da donne. Non era il tipo di aiuto che potresti ricevere nei negozi per uomini con nomi come XXX-World.

Smith Gattino – 2003

Smitten Kitten è il luogo in cui ho acquistato questo libro e il mio negozio preferito, quindi ero entusiasta di saperne di più su di loro. Smitten Kitten ha un ruolo da protagonista nel capitolo cinque, "La politica dei prodotti", in cui si discute di come stanno aprendo la strada all'eliminazione dei giocattoli sessuali tossici.

Vibrator Nation approfondisce più nel dettaglio la storia di Smitten Kitten che fiuta i giocattoli sessuali tossici (puoi leggere un estratto da quella sezione Qui gratuito). Fondamentalmente, Jennifer era diffidente nei confronti dei giocattoli puzzolenti e sciolti che aveva ordinato, dopo ulteriori indagini scoprì che contenevano sostanze chimiche tossiche e decise di non venderli. Invece, ha fornito solo materiali sicuri per il corpo come silicone e vetro. Alla fine, ha inviato alcuni dei giocattoli di gelatina più popolari a un laboratorio di analisi e ha scoperto che la maggior parte conteneva ftalati, aumentando la consapevolezza sul problema dei giocattoli tossici e sulla necessità di giocattoli sicuri.

Creazioni Vixen – 1992

Mentre lavorava presso Good Vibrations, Marilyn Bishara notò che i prodotti in silicone erano sempre in arretrato. È stato difficile procurarseli perché sono più difficili da produrre. Ha iniziato a realizzare falli di silicone colorati nella sua cucina, per poi trasferirsi in uno studio di 1.500 metri quadrati. Ciò che rende le creazioni di Vixen così eccezionali è la loro enfasi sulla bellezza e sul design. Cercano di fare il meglio del meglio quando si tratta di dildo in silicone.

A pagina 124 del libro, Comella si rivolge allo studio di Vixen Creation nel quartiere di Hunter's Point a San Francisco. Ci raccontano degli scaffali di falli organizzati per colore e forma, del "popping" quando si estrae un fallo appena nato dallo stampo e del godersi la crostata calda alla pesca, parte del pranzo gratuito ricevuto da tutti i dipendenti... Ho presentato la mia candidatura lavorare lì dopo aver letto questo.

Vixen Creations è stato uno dei primi creatori di giocattoli di lusso con un'enfasi sulla qualità ed è stato creato per soddisfare le esigenze dei negozi come buone vibrazioni. Gli altri falli disponibili all'epoca erano ondulati e non raggiungevano bene il punto G. Vixxen creò falli arcuati, butt plug in silicone, falli a doppia testa e attacchi per bacchetta, tutte innovazioni per l'epoca.

Per quanto riguarda i produttori, non ricevono la stessa attenzione delle librerie.

Novità dalla pubblicazione – Un evento importante dalla pubblicazione di Nación Vibrador è il acquisto di babeland di Good Vibrations nell'agosto 2017. Aiuta a tenere a mente le novità, poiché il libro si concentra su questi due negozi.

Riepilogo degli altri capitoli

Dopo aver introdotto come sono nati i primi negozi di giocattoli sessuali femministi, il resto del libro parla del loro impatto sul settore e delle innovazioni che hanno contribuito a ispirare. Così come i suoi tentativi di trovare un equilibrio tra l'essere un'impresa e l'aiutare le persone.

  • 4 – Riconfezionare il sesso
  • 5 – Politica del prodotto
  • 6 – Sexperts e discorsi sessuali
  • 7 – Vendere identità
  • 8 – Redditività e cambiamento sociale
  • 9 – Crescere o morire

Riconfeziona il sesso e sbarazzati dello squallore

Una delle grandi caratteristiche che definiscono i sexy shop gestiti da donne è la loro atmosfera accogliente. Sono pulite, hanno una buona illuminazione e sedie per sedersi e leggere libri. Il capitolo 4 approfondisce queste differenze.

All'inizio del capitolo, Lynn visita A-Action Adult Books a Las Vegas. È un negozio sporco che vende porno, giocattoli gelatinosi e permette alle persone di incontrarsi nella sezione "arcade" sul retro del negozio. Entrare nell'area arcade, dove ci sono cabine video adiacenti con buchi di gloria, costa 4 $. Questo è il motivo principale per cui la maggior parte delle persone veniva in questo negozio ed era un punto caldo per fare amicizia e fare sesso.

Ciò aiuta a stabilire un forte contrasto nel descrivere il modo in cui i negozi gestiti da donne facevano le cose. La tabella seguente aiuta a riassumere le loro conclusioni.

Classe (Tipico negozio di proprietà femminile)

  • Pareti color lavanda con opere d'arte originali
  • Pulito e organizzato
  • Buona illuminazione e segnaletica colorata
  • Comode sedie, piante e divani
  • Giocattoli sessuali esposti per farti toccare e sentire
  • Prodotti colorati e confezioni eleganti
  • Nomi intelligenti e sottili come Smitten Kitten
  • Personale amichevole ed educatori sessuali

Grosso (Un tipico negozio XXX)

  • Muri di cemento non decorati
  • Pavimenti polverosi, sporchi e appiccicosi
  • Luci rosse fioche e insegne al neon
  • Cabine video per masturbarsi e flirtare
  • I giocattoli sessuali venivano sempre tenuti nella loro confezione
  • Giocattoli di gelatina con nomi osceni e confezioni offensive
  • Nomi forti come XXX-Action e Sexworld
  • Personale scortese con poca o nessuna conoscenza del prodotto

Nei negozi si trattava di far sentire le persone a proprio agio e al sicuro. I clienti curiosi per la prima volta erano timidi e apprezzavano molto questo ambiente sicuro.

Un modo per far sentire le persone a proprio agio era organizzare il negozio da “Soft a Wild”. Hanno posizionato gli oggetti meno intimidatori, come libri, vibratori e lubrificanti, nella parte anteriore del negozio. Poi nella parte posteriore c'erano oggetti più intimidatori come butt plug, dildo realistici e restrizioni. Questo è certamente il caso di Smitten Kitten, dove c'è un angolo con i libri nella parte anteriore del negozio con alcune comode sedie, mentre i realistici dildo VixSkin sono nel retro del negozio.

Anche cambiare lo stereotipo negativo sui sexy shop è stata una sfida. Soprattutto quando si trattava di leggi di zonizzazione messe in atto per affrontare gli strip club e le attività per adulti. Self Serve di Albuquerque voleva localizzare il proprio negozio in un quartiere commerciale popolare, ma le leggi di zonizzazione richiedevano che i negozi in queste aree avessero meno di 25% del loro inventario in prodotti per adulti. Per aggirare la legge, vendevano molti prodotti per la cura del corpo e cioccolato, assicurandosi sempre di aggiungere 3 nuovi prodotti non sessuali ogni volta che aggiungevano un nuovo sex toy al negozio.

Prodotti

Dopo aver letto il Capitolo 5, la parola che userei per descrivere i prodotti dei negozi gestiti da donne è “qualità”. Non vendono prodotti economici o prodotti che promuovono idee sulla sessualità che non sono in linea con la missione dei negozi.

Non voglio giocattoli dall'aspetto arrabbiato qui. Cerchiamo di rendere il sesso divertente e felice. Non arrabbiato e malvagio. –Proprietario dello zucchero, Searah Deyseach

Si rifiutano anche di vendere prodotti veloci o che facciano leva sulle insicurezze. Cose come pompe per il pene, creme per il rassodamento vaginale e farmaci per il potenziamento sessuale. La maggior parte di questi prodotti sono venduti nei negozi XXX e non funzionano realmente o sono dannosi per l'organismo.

Essere un venditore di giocattoli sessuali con regole non è, riconosce Deysach, un metodo per arricchirsi velocemente – o, del resto, non è affatto un metodo. "Se vendessi popper [una droga ricreativa usata per migliorare le prestazioni sessuali] e ingranditori del pene, potrei comprare una Cadillac" - Searah Deysach (pag. 116)

Ciò ci riporta al tema di tutti i negozi di questi libri che seguono la propria forma di filosofia briarpatch, il che significa che usano le loro attività come veicoli per migliorare la vita degli altri, non solo la propria.

I nuovi artisti dei giocattoli sessuali

L'ascesa dei negozi sex-positive ha creato sempre più richieste di giocattoli sessuali. alta qualità. Giocattoli che dureranno tutta la vita invece che solo pochi giorni. Ecco un estratto dal libro che spiega come l'industria dei giocattoli sessuali contasse sulla gente che buttava via i propri giocattoli:

[I rivenditori] immagazzinavano gli stessi articoli più e più volte perché il modello [della vendita al dettaglio] prevedeva che un ragazzo comprasse un prodotto, lo portasse nella sua camera d'albergo, lo usasse mentre viaggiava con chiunque fosse, e poi lo buttasse via ; quindi il fatto che non sarebbe durato a lungo non era importante. La cosa importante era che costasse 20 $ e che sarebbe stato lì per il momento. E la volta successiva, quella persona acquisterà lo stesso articolo per 20 $ perché ha già funzionato per lei. – Metis Black, fondatore di Tantus (pag. 127)

Good Vibrations iniziò a offrire garanzie e smise di vendere prodotti che dovevano essere restituiti a un'azienda perché rotti. Aziende come Tantus, Vixen Creations, Crystal Delights, Njoy e Earth Erotics sono nate dalla necessità di giocattoli sessuali di lusso e di alta qualità.

Il creatore di Njoy, Greg DeLong, definisce i suoi clienti "pervertiti intelligenti con reddito disponibile". DeLong era un ingegnere meccanico laureato alla Tufts University. Ha visto che il mercato "chiedeva un nuovo paradigma di qualità e design", cosa che lo ha spinto a creare Njoy nel 2005. DeLong afferma di vendere solo "prodotti omnisessuali", un termine piuttosto intelligente che significa che vuole che le sue creazioni siano utilizzabili da chiunque abbia qualsiasi orientamento sessuale.

Una maggiore qualità spesso significa un prezzo più alto, cosa di cui non tutti i negozi erano soddisfatti, come la proprietaria di Tool Shed Laura Haave:

Siamo un negozio di mattoni e malta della vecchia scuola. Sono qui a Milwaukee al 100%. Quindi potrebbe esserci qualcosa che tutti a New York e San Francisco adoreranno. Al diavolo voi, assaggiatori dell'Est. Sai cosa intendo? È dannatamente troppo costoso per Milwaukee. Siamo una città che lavora. Siamo nel Midwest. Non porterò con me un vibratore da 200 dollari con una forma strana che nessuno chiede. Ma mi sforzerò di portare cose a cui le persone vengono e dicono: "Voglio questo". Devo andare in un altro stato per prenderlo, ma preferisco che me lo diate voi, se la gente lo chiede, allora lo apprezza. Ma non vi porterò l'ultima delle ultime perché ce l'hanno tutti.

Esperti di sesso

Il sistema scolastico si concentra principalmente sull’insegnare ai bambini a proteggersi dai pericoli del sesso. Ma non insegna loro la loro sessualità, i punti P o G, lasciando molti adulti confusi riguardo al proprio corpo.

È qui che entrano in gioco i negozi sex-positive per riempire quel vuoto. Offrono workshop settimanali su argomenti come l'uso degli strap-on, come fare un nodo bondage e domande e risposte generali.

Invece dei commessi, Babeland chiama i dipendenti che lavorano nei piani “educatori sessuali”. Good Vibrations ha chiamato i dipendenti SESA, che sta per educatori sessuali/addetti alle vendite. I SESA hanno partecipato a eventi di formazione continua per tenere il dito "sul polso sessuale dell'America", hanno imparato a conoscere nuovi prodotti e hanno ricevuto lezioni dalla sessuologa Carol Queen.

Politica d'identità

Il capitolo 7 riguarda il tentativo dei negozi di trasformarsi da negozi per sole donne a negozi per tutti.

All'inizio molti di questi negozi erano per sole donne, come Eve's Garden quando aprì nel 1974.

"Il divieto [negli uomini] aveva a che fare con la creazione di un luogo confortevole in cui le donne potessero esplorare la propria sessualità, e nel 1974 questo significava necessariamente privacy di genere" Col tempo allentò questa politica e iniziò a ricevere uomini, ma solo in determinati orari e solo se accompagnati da una donna. - P. 162, su Dell Williams

Good Vibrations e Babeland alla fine riconobbero che gli uomini erano uno dei loro principali clienti. La maggior parte degli uomini non amava i negozi XXX squallidi tanto quanto le donne e preferiva un posto pulito e sicuro dove fare acquisti. Babeland iniziò a vendere massaggiatori prostatici e giocattoli per il pene e assunse nuovo personale. Nel 1996, Good Vibrations assunse Charlie Glickman, il suo primo dipendente maschio.

Di identità gay, Glickman aveva una storia di volontariato presso il Centro di crisi dello stupro della contea di Alameda come coordinatore del progetto per Uomini che superano la violenza sessuale. Ha una corporatura snella, con mani piccole e voce da contralto. Ecco perché non era insolito che venisse scambiato per un uomo trans. Ma sapeva anche come comportarsi come il "migliore amico gay" di qualcuno, ha detto. "Sai, come Will e Grace" Non flirtava mai con i clienti e trasmetteva un'atmosfera non minacciosa, che secondo lui faceva sentire a proprio agio molte donne quando le aiutava a fare acquisti. Tuttavia, non tutti i clienti di Good Vibrations erano contenti di vedere un uomo nel reparto vendite. Almeno una donna ha scritto all'azienda per dire: "Per favore, rimuovimi dalla tua mailing list. C'è un uomo che lavora lì." Tuttavia, Glickman ha scoperto che questa risposta era l'eccezione e non la regola. - P. 177

Un’altra questione ha a che fare con la diversità razziale. Comella sottolinea come, se si guardano le foto dello staff di Good Vibrations degli anni '80, tutti i dipendenti erano donne bianche. Nenna Joiner era una cliente abituale di Good Vibrations e, sebbene le piacesse il negozio, non si sentiva rappresentata lì. Questo l'ha ispirata a creare FeelMore nel 2011, un sexy shop che cerca di includere tutti.

Per Joiner, “inclusione” è più di una parola d’ordine; È il principio organizzativo della tua attività. “L'obiettivo di [Feelmore] è far sentire tutti al sicuro, indipendentemente dal tuo aspetto o da chi sei” – pagina 167

Feelmore offre molti articoli che non puoi trovare in altri negozi, come dildo e packer al cioccolato e caramello.

Attività commerciale

Alcuni negozi hanno avuto a volte anche problemi finanziari. Nel 2001 Babeland stava perdendo denaro e dovette apportare diverse modifiche per restare a galla. Hanno tagliato gli stipendi dei proprietari, licenziato il loro vice direttore degli acquisti, congelato le assunzioni e gli aumenti e ridotto i laboratori didattici a una volta al mese.

“Ciò a cui stiamo assistendo”, ha riferito seccamente, “è la vera lotta tra capitalismo e missione. Non possiamo portare a termine la missione se non abbiamo soldi, quindi è necessario bilanciare le due cose.” Carrie Scrader, CEO di Business presso Babeland.

Sia Good Vibrations che Eve's Garden hanno affermato che fare soldi non era il loro obiettivo.

"Non credo di essere stato molto bravo dal punto di vista degli affari", ha ammesso. «Sembrava che avesse sempre problemi con il denaro e con il rispetto delle buste paga. Dal punto di vista finanziario avrei dovuto trovare un altro partner o qualcuno che si occupasse di quell'aspetto, perché sembrava sempre una lotta. – Dell Williams, pagina 191

In un'intervista, Joani Blank ha detto senza mezzi termini: "Non me ne frega niente dei benefici." Blank ha avuto la fortuna di vivere a buon mercato e la sua famiglia possedeva alcune proprietà che le fornivano un reddito extra. Spesso vendeva oggetti allo stesso prezzo a cui li aveva acquistati, solo perché voleva davvero che le donne li avessero.

Blank si recava regolarmente nella città giapponese di San Francisco per acquistare casse della bacchetta magica Hitachi da rivendere. Secondo Winks, Blank ha acquistato i vibratori con un leggero sconto e poi li ha venduti a Good Vibrations allo stesso prezzo a cui erano stati venduti a Japan Town, realizzando solo un profitto di circa due dollari per ciascuno venduto. Pagina 192

Le cose si sono complicate con l’avvento di Internet. Ora molte persone possono acquistare giocattoli sessuali in modo anonimo comodamente da casa propria. Ciò significa che i negozi ora devono competere con Amazon e altri siti web di vendita al dettaglio. I negozi sono diventati meno disposti ad aiutare altri negozi o a dare consigli alle persone che avviano il loro primo negozio, perché hanno maggiori probabilità di competere nel mondo online.

Pensieri finali

I negozi online come SheVibe non sono menzionati nel libro, il che mi ha sorpreso un po'. Con l’aumento degli acquisti online, sembra importante che i negozi fisici sopravvivano e abbiano buoni siti web per competere con Amazon.

Preoccupante è anche il fatto che Babeland sia stata acquistata da Good Vibrations, già di proprietà di GVA. In sostanza, sono di proprietà dell'azienda da cui sono stati creati per fungere da rifugio. Temo che stiano diventando sempre più orientati al profitto e non più alle forze del bene di una volta.

Commenti di 6

  1. ¡Qué interesante! Me encantaría saber más sobre cómo las tiendas de juguetes sexuales están cambiando la industria.

    1. ¡Totalmente de acuerdo! Es fascinante ver cómo las tiendas de juguetes sexuales están desafiando los tabúes y ampliando los límites de la industria. Sería genial si compartieras más información al respecto. ¡Estoy ansioso por aprender más!

    1. Pues, si te encanta el tema, te sugiero que hagas tu propia investigación y no esperes que te den todo masticado. La información está ahí, solo tienes que buscarla. ¡Buena suerte!

    1. ¡Totalmente de acuerdo! Los juguetes sexuales están rompiendo barreras y desafiando tabúes. Es hora de aceptar que la sexualidad es diversa y que cada persona tiene el derecho de explorarla como prefiera. ¡Aplausos para la liberación sexual!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *